fbpx

Protesi fissa e mobile

PROTESI DENTALE A OSTIA

La protesi dentale serve a riabilitare la dentatura originaria (persa o compromessa) per motivi funzionali e/o estetici.
La perdita di un dente genera variazioni in tutto l’apparato masticatorio e ne risentono entrambe le arcate dentali, che con il tempo tendono ad adattarsi e modificare l’intero assetto della nostra bocca.
Ogni elemento perso va quindi prontamente sostituito valutando quale protesi è più idonea.

Il nostro Studio si avvale dell’utilizzo di una moderna tecnologia computerizzata per la lavorazione di protesi chiamate “metal free”, ovvero senza struttura metallica, grazie alle quali si raggiungo risultati estetici molto buoni.

Protesi dentale fissa

Consiste nella copertura di elementi dentali compromessi, o degli impianti dentali, in ceramica e sostituzione di elementi dentali mancanti. La protesi fissa non può essere rimossa dal paziente.

I materiali impiegati per la realizzazione delle protesi fisse sono: le “metallo ceramiche” e le corone “metal free”(prive di struttura metallica) con alto valore estetico.

La protesi fissa può risolvere la mancanza di uno o più elementi dentali attraverso  la realizzazione di un ponte, una struttura artificiale che si poggia sui denti adiacenti al dente mancante.

Protesi dentale mobile

Si appoggia alla gengiva o è ancorata agli impianti o ai denti residui ed è rimovibile dal paziente. La protesi mobile è parziale quando sostituisce alcuni denti mancanti di una arcata, è totale (dentiera) quando li sostituisce tutti.
La protesi parziale può essere in resina con o senza ganci oppure metallica (scheletrato) provvista di ganci. La protesi totale è solo in resina. In tutti e tre i casi i denti montati sono in resina (la maggior parte delle volte) o in ceramica.

QUALI SONO I PRO E I CONTRO DELLA PROTESI MOBILE?

I pro sono sicuramente economici e sono inoltre legati al tipo di trattamento che non è invasivo.

I contro sono principalmente di natura psicologica ma anche di natura funzionale a causa della mobilità in particolare della protesi totale inferiore o a causa dell’ingombro di quella superiore, nonché di natura estetica in particolare per le protesi parziali con i ganci . Comunque è da sottolineare che se il paziente riesce ad accettarla psicologicamente, si abituerà bene a portarla, eccetto nei rari casi in cui le mucose non sopportano il contatto con la protesi.

QUANDO NON SI DEVE PROPORRE UN ALTERNATIVA CON IMPIANTI?

Sicuramente la protesi mobile non è la soluzione ottimale per correggere una edentulia parziale o totale ma in alcune casi purtroppo è l’unica da prendere in considerazione e mi riferisco a quelle circostanze in cui lo stato di salute del paziente e la terapia a cui si sottopone non consentono interventi di implantologia.

Poi ci sono i casi limite nei quali il problema è legato alla qualità e soprattutto alla quantità di osso disponibile per fare gli impianti e che richiedono interventi rigenerativi complessi e risolutivi solo dopo un anno o più; anche se attualmente,soprattutto per casi di edentulia totale, molte situazioni limite si possono risolvere con procedimenti più veloci e non invasivi attraverso la tecnica computer guidata con il posizionamento di 4 o 6 impianti inseriti in zone strategiche e di protesi fisse avvitate su di essi (All-on-four o All-on -six).